Archivio per Censura

Lord Bomb

Posted in Cosa non va, Politica with tags , , , on 26 febbraio 2011 by marmellatadistreghe

Ma il 12 Aprile del 1973 ?

Web 2.0 al Guinzaglio

Posted in Cosa non va, Politica with tags , , , , on 24 luglio 2010 by marmellatadistreghe

Caro lettore, è probabile che tra breve tempo in questa stessa pagina, non potrò più scrivere delle nobili gesta dei nostri simpatici onorevoli, non potrò più urlare che tra le fila di chi ci governa c’è chi è stato condannato per mafia, estorsione, corruzione, reati finanziari e quant’altro. Avrò 48 ore di tempo per rettificare e modificare il post incriminato, dovrò inginocchiarmi sui ceci e scusarmi per aver urtato la sconfinata rispettabilità e la delicata sensibilità di qualche pappone mafioso, pena 12mila euro in contanti. Questo semplicemente perchè le dinamiche nel palazzo del potere tendono a salvaguardare con arroganza gli interessi politici ed economici di chi ci governa oscurando il diritto alla libertà di manifestazione del pensiero nella rete globale.
Hai intenzione di continuare a dormire?

Se non l’hai ancora fatto, firma la petizione su www.nobavaglio.it

Articolo 21

Posted in Cosa non va, Politica, Video with tags , on 20 luglio 2010 by marmellatadistreghe

Quinto Potere

Posted in Film with tags , , , on 6 luglio 2010 by marmellatadistreghe

Non serve dirvi che le cose vanno male. Tutti quanti sanno che le cose vanno male. Abbiamo una crisi, molti non hanno un lavoro, e chi ce l’ha vive con la paura di perderlo, il potere di acquisto del dollaro è zero. Le banche stanno fallendo. I negozianti tengono il fucile nascosto sotto al banco, i criminali scorrazzano per le strade. E non c’è nessuno che sappia cosa fare e non se ne vede la fine. Sappiamo che ormai l’aria è irrespirabile e che il nostro cibo è immangiabile. Stiamo seduti a guardare la TV mentre il nostro cronista locale ci dice che oggi ci sono stati 15 omicidi e 63 reati di violenza come se tutto questo fosse normale. Sappiamo che le cose vanno male, più che male, è la FOLLIA. E’ come se tutto dovunque fosse impazzito così che noi non ne usciamo più. Ce ne stiamo in casa e lentamente il mondo in cui viviamo diventa più piccolo. E diciamo soltanto: “almeno lasciateci tranquilli nei nostri salotti, lasciatemi il mio tostapane, la mia TV, la mia vecchia bicicletta e io non dirò niente, lasciatemi tranquillo”… beh io non vi lascerò tranquilli, io voglio che vi incazziate, non voglio che protestiate; non voglio che vi ribelliate, non voglio che scriviate al vostro senatore perché non saprei cosa dirvi di scrivere, io non so cosa fare per combattere la crisi e l’inflazione, i cinesi e i russi e i terroristi e la violenza per le strade, io so soltanto che prima dovete incazzarvi, dovete dire: “Io sono un essere umano porca puttana, la mia vita ha un valore!

Quindi io voglio che ora voi vi alziate. Io voglio che tutti voi vi alziate dalle vostre sedie. I voglio che voi vi alziate in questo istante ed andiate alla finestra, che la apriate, e vi affacciate tutti ed urliate: “Sono incazzato nero e tutto questo non lo accetterò più!”

L’unica verità che conoscete è quella che ricevete alla tv, attualmente! C’è da noi un’intera generazione che non ha mai saputo niente che non fosse trasmesso alla tv. La tv è la loro Bibbia, la suprema rivelazione. La tv può creare e può distruggere presidenti, papi, primi ministri. La tv è la più spaventosa maledettissima forza di questo mondo senza Dio. E poveri noi, se cadesse nelle mani degli uomini sbagliati. […] Questa Società è ora nella mani della CCA, la “Communications Corporation of America”; […] e quando una fra le più grandi corporazioni del mondo controlla la più efficiente macchina per una propaganda fasulla e vuota, in questo mondo senza Dio, io non so quali altre cazzate verranno spacciate per verità, qui. Quindi ascoltatemi, ascoltatemi: la televisione non è la verità! La televisione è un maledetto parco di divertimenti, la televisione è un circo, un carnevale, una troupe viaggiante di acrobati, cantastorie, ballerini, cantanti, giocolieri, fenomeni da baraccone, domatori di leoni, giocatori di calcio! Ammazzare la noia è il nostro solo mestiere. Quindi, se volete la verità, andate da Dio, andate dal vostro guru, andate dentro voi stessi, amici, perché quello è l’unico posto dove troverete mai la verità vera! Sapete, da noi non potrete ottenere mai la verità. Vi diremo tutto quello che volete sentire, mentendo senza vergogna: vi diremo che Nero Wolfe trova sempre l’assassino, e che nessuno muore di cancro in casa del dottor Kildare, e che per quanto si trovi nei guai il nostro eroe, non temete, guardate l’orologio, alla fine dell’ora l’eroe vince… Vi diremo qualsiasi cazzata vogliate sentire. Noi commerciamo illusioni: niente di tutto questo è vero. Ma voi tutti ve ne state seduti là, giorno dopo giorno, notte dopo notte, di ogni età, razza, fede. Conoscete soltanto noi. Già cominciate a credere alle illusioni che fabbrichiamo qui. Cominciate a credere che la tv è la realtà, e che le vostre vite sono irreali. Voi fate tutto quello che la tv vi dice: vi vestite come in tv, mangiate come in tv, tirate su bambini come in tv, persine pensate come in tv! Questa è pazzia di massa! Siete tutti matti! In nome di Dio, siete voialtri la realtà: noi siamo le illusioni. Quindi spegnete i vostri televisori, spegneteli ora, spegneteli immediatamente, spegneteli e lasciateli spenti, spegnete i televisori proprio a metà della frase che vi sto dicendo adesso, spegneteli subito!!!

Non dico che gli Stati Uniti siano finiti come potenza mondiale. […] Ciò che è finito è l’idea che questa grande nazione sia dedicata all’affrancamento, alla floridezza di ogni suo singolo individuo. È l’individuo che è finito, è il singolo solitario essere umano che è finito, è ognuno di voialtri che mi ascoltate che è finito. Perché questa, questa non è più una nazione di individui indipendenti, oramai. È una nazione composta da 200 e oltre milioni di esseri transistorizzati, deodorizzati, più bianchi del bianco, tutti profumati al limone: del tutto inutili come esseri umani, e rimpiazzabili come i pezzi di un’auto.

Lei è un vecchio che pensa in termini di nazioni e di popoli. Non vi sono nazioni, non vi sono popoli, non vi sono russi, non vi sono arabi, non vi sono terzi mondi, non c’è nessun Ovest; esiste soltanto un unico, un solo sistema di sistemi uno vasto ed immane, interdipendente, intrecciato, multivariato, multinazionale dominio dei dollari. Petroldollari, elettro-dollari, multi-dollari, frank-marc, sterline, rubli[…] E’il sistema internazionale valutario che determina la totalità della vita su questo pianeta. Questo è l’ordine naturale delle cose, oggi. Questa è l’atomica e subatomica.

(1976, Network di Sidney Lumet)

Servi dei Servi

Posted in Cosa non va, Video with tags , on 29 giugno 2010 by marmellatadistreghe

La Stagione del Bavaglio

Posted in Cosa non va, Politica with tags , on 20 maggio 2010 by marmellatadistreghe

Non è fantascienza ma pura e semplice realtà, il parlamento sta pianificando lo stravolgimento delle basi elementari di giustizia presenti nel nostro paese come in qualunque altro paese democratico. E’ parecchio probabile che da domani o dopodomani al massimo non potremo più leggere o ascoltare le intercettazioni delle svariate porcate che si susseguono quotidianamente in questo paese, le divertenti conversazioni intercettate tra un pincopallino politico puttaniere di turno e la sua escort abituale o l’amorevole chiaccherata tra due imprenditori che a pochi minuti da un catastrofico terremoto se la sghignazzano sui soldi che accumuleranno per la ricostruzione o anche il caratteristico colloquio telefonico tra il bamboccione mafioso pluriomicida e la dolce mammina ultraottantenne che smista i suoi pizzini, ovviamente almeno che non ci concedano il loro personalissimo consenso. Si proprio così, siamo in totale emergenza democratica, se ieri era difficile conoscere l’operato politico di chi ci governa, da domani diverrà praticamente impossibile, il diritto di cronaca verrà regolamentato con sanzioni pesantissime, il cittadino sarà ancora meno al corrente di inchieste giudiziarie, di corrotti e corruttori. La nota positiva sarà il sostanziale aumento del turismo, orde di deliquenti sbarcheranno nel paese dei balocchi prendendo d’assalto la penisola certi di non poter essere perseguiti. E non è tutto. Se qualcuno, tipo TU che leggi, non si da una svegliata per mandare via questa gente, presto, molto presto arriverà anche una dura regolamentazione per blog, utenti, commenti ed opinioni …ma non è meraviglioso tutto ciò? Che dire, W il bavaglio. Ora aspetto una risposta molto forte dalla comunità europea, sono graditi calci nei culi giusti.

Se non l’hai ancora fatto, firma la petizione su www.nobavaglio.it

Z – L’orgia del Potere

Posted in Film, Libri with tags on 12 maggio 2010 by marmellatadistreghe

 

La lista di cose proibite.

Contemporaneamente i militari hanno proibito: i capelli lunghi, le minigonne, Sofocle, Tolstoi, Mark Twain (in parte), Euripide, spezzare i bicchieri alla russa, Aragon, Trotzky, scioperare, la libertà sindacale, Durcat, Eschilo, Aristofane, Ionesco, Sartre, i Beatles, Albee, Pinter, dire che Socrate era omosessuale, l’Ordine degli Avvocati, imparare il russo, imparare il bulgaro, la libertà di stampa, Beckett, Dostojevskij, Cechov, Gorki e tutti i russi, il “Chi è?”, la musica moderna, i movimenti per la pace… e la lettera “Z”, che vuol dire “È vivo” in greco antico.

(1969, di Constantin Costa Gavras dal romanzo di Vassili Vassilikos)