Archive for the Libri Category

A Ovest di Roma

Posted in Libri with tags on 9 novembre 2010 by marmellatadistreghe

Addio, papà. Grazie di tutto.
Così. Grazie di tutto. Grazie per avergli dato la vita senza il suo permesso. Grazie per averlo messo forzatamente in un mondo di guerre, odio e bigotteria. Grazie per averlo spedito in scuole dove gli avevano insegnato a ingannare, a dire bugie, i pregiudizi e la crudeltà. Grazie per avergli imposto il fardello di un dio in cui non aveva mai creduto, e dell’unica vera Chiesa, che tutte le altre siano dannate. Grazie per avergli inculcato una passione per le macchine che un giorno avrebbero potuto distruggerlo. Grazie per un padre che scriveva sceneggiature superficiali dove il ragazzo incontra la ragazza e i buoni trionfano sempre sui cattivi. Grazie per tutto.

(1986, A Ovest di Roma di John Fante)

La Vita è altrove

Posted in Libri with tags on 28 ottobre 2010 by marmellatadistreghe

La masturbazione è un atto sterile, fine a se stesso. E la sega mentale è la sua degna controparte: pensieri che si involvono, che girano su se stessi, senza produrre risultati, senza partorire nulla di concreto sul piano reale.
La vita è altrove, e Jaromil continua a correrle dietro, senza riuscire ad entrarci, mai… vorrebbe diventare portavoce della Storia, eppure questa Storia continua a sfuggirgli, rendendolo ridicolo nelle sue scelte ostinate, fino alla fine.

(1973, La Vita è altrove di Milan Kundera)

Delirio Cinefilo

Posted in Libri with tags on 19 ottobre 2010 by marmellatadistreghe

Perché i conti si fanno di notte, soli, nel silenzio vibrante sotto le coperte, con gli occhi sparati sul soffitto e il buio macchiato dai numeri rossi della radiosveglia in perenne conto alla rovescia, mentre ci si guarda dentro perché fuori gli occhi non si chiudono, in un’umana troppo umana solitudine che si infrange nel determinismo cieco e irragionevole a salire il gradino successivo della scala dell’apprezzabilità a tutti i costi.

(2010, Delirio Cinefilo di William Dollace)

Negazionismo?

Posted in Cosa non va, Fotografia, Libri with tags , , , on 15 ottobre 2010 by marmellatadistreghe

Medidate che questo è stato
vi comando queste parole scolpitele nel vostro cuore
quando in casa, andando per via
coricandovi, alzandovi
ripetetele ai vostri figli
o vi si sfaccia la casa
la malattia vi impedisca
i vostri nati torcano il viso da voi.

(1947, Se Questo è un Uomo di Primo Levi)

Sostenere l’insostenibile deve diventare illegale, ora.

After Babel

Posted in Libri with tags on 23 settembre 2010 by marmellatadistreghe

Abbandonarsi a una fuga dalla realtà per rifugiarsi nell’estetica, in un viaggio della mente attraverso l’arte, il fantastico, la poesia, i film: la nostra memoria diviene così l’unica forma di capitalizzazione e di valore, un patrimonio personale che nessuno può distruggere o sdradicare e che si oppone alle intrusiuoni di ciò che viene definito provocatoriamente come un “Valium cosmico”, l’omologazione dell’individuo in una società che lo rende passivo fruitore di tutti quei “valori-spazzatura” o falsi valori imposti attraverso il martellamento dei media.

(1975, After Babel di George Steiner)

La Mostra delle Atrocità

Posted in Libri with tags on 1 agosto 2010 by marmellatadistreghe

La mostra di quest’anno aveva un segno inquietante: tutti i quadri insistevano sul tema della catastrofe planetaria, come se questi pazienti, così a lungo segregati, avessero avvertito nelle menti dei dottori e delle infermiere una specie di sconvolgimento sismico.

Le immagini crudeli e violente che al mattino suscitano la nostra pietà, lo stesso pomeriggio vengono stilizzate e usate come simboli dai media.

Ormai la nostra percezione della fama è cambiata. Si è verificata una sorta di banalizzazione della celebrità: oggi la fama che ci viene offerta è istantanea, pronta per l’uso, e ha il potere nutritivo di una zuppa in scatola.

Ho cercato di analizzare quello che succede nel punto in cui si incontrano il sistema dei media e il nostro sistema nervoso. Qual è il reale significato della morte di Marilyn Monroe o dell’assassinio di Kennedy? Come agiscono su di noi a livello neurale, a livello dell’inconscio? Questi eventi dei media, il suicidio della Monroe, l’assassinio di Kennedy, l’elezione di Reagan (riportata nel libro quindici anni prima dell’evento reale) hanno qualche significato nascosto nella nostra mente, influenzano la nostra immaginazione secondo modalità impreviste?

(1970, The Atrocity Exhibition di James Graham Ballard)

Eleonora

Posted in Libri with tags on 27 luglio 2010 by marmellatadistreghe

Discendo da una stirpe nota per il vigore della fantasia e l’ardore della passione. Gli uomini mi hanno definito pazzo, sebbene non risulti ancora chiaro se la pazzia sia, o no, il grado più alto dell’intelletto, e se molto di quanto dà gloria e tutto ciò che rende profondi non nasca da una malattia della mente, da stati di esaltazione dello spirito, a spese dell’intelletto in genere. Coloro che sognano ad occhi aperti conoscono molte cose che sfuggono a quanti sognano solo dormendo.

(1841, Eleonora di Edgar Allan Poe)